Logo Valentano.net Logo Valentano.net
Ultimo Urlo - Inviato da: Pro Loco - Venerdì, 04 Settembre 2015 09:08
 
Forum Community sul Comune di Valentano (VT)
Aprile 06, 2020, 20:08:44 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Ricette tipiche valentanesi e dell'alta Tuscia
 
   Home   Help Ricerca Calendario Utenti Login Registrati  
Pagine: [1]   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: Riforme strutturali cosa sono ed a cosa servono  (Letto 1993 volte)
luigi
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 953



Guarda Profilo
« il: Dicembre 10, 2014, 10:22:28 »

Riforme strutturali cosa sono ed a cosa servono

http://www.economist.com/blogs/economist-explains/2014/12/economist-explains-5 - libero adattamento

Ogni giorno sentiamo i politici (e non solo) che si riempiono la bocca con le “riforme strutturali” ma quanti di loro sanno cosa sono e perché sono utili? Secondo me pochissimi.
L’economist spiega in maniera impeccabile cosa sono le riforme strutturali e perché sono importanti (lascio al lettore anche il link originale).
Innanzi tutto cosa sono: sono quelle riforme che permettono al mercato di lavorare in maniera efficiente. Al di là delle ironie (e soprattutto della mancanza di fondamenti economici) di molti politici di “noiartri” far lavorare meglio il mercato, equivale ad un miglioramento delle condizioni di benessere della società (Coase, R. H. (1960). The Problems of Social Cost. The Journal of Law and Economics, 3, 1–44. doi:10.1086/466560).
Siccome l’economia da sempre è fatta di numeri chi ci dà gli indicatori per capire se un paese ha un mercato efficiente?
Sicuramente il più famoso a livello mondiale (citato anche nel post dell' Economist ) è il Doing Business Index della Banca Mondiale (DBI - http://www.doingbusiness.org/rankings) un altro è quello che ogni anno redige l’Istituto Bruno Leoni (http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx…)
Il DBI prende in considerazione alcuni aspetti rilevanti per il funzionamento della società sintetizzati nella graduatori data dal "Ease of Doing Business Rank”
Starting a Business –Facilità di aprire una attività, inteso come numero di procedure, tempo, costi e capitale minimo.
Dealing with Construction Permits – Rilascio dei permessi di costruire inteso come tempi, costi e numero di procedure
Getting Electricity – Ottenere energia elettrica
Registering Property – Procedure necessarie per acquistare o vendere una proprietà
Getting Credit – Ottenere credito
Protecting Minority Investors – Protezione dei piccoli investitori
Paying Taxes – Pagamento delle tasse, inteso come numero di procedure, difficoltà nel pagamento, ecc.
Trading Across Borders – che misura il tempo e il costo per poter esportare o importare beni
Enforcing Contracts - con il quale si indica la capacità e l’efficienza della giustizia nel risolvere dispute commerciali
Resolving Insolvency – Tempi, costi ed esito delle procedure in insolvenza
Labor Market Regulation – (non incluso nella classifica) che serve per capire la regolamentazione del mercato del lavoro, come ad esempio la flessibilità nella regolamentazione del rapporto di lavoro, rigidità di orari, ecc.
Come siamo messi? Siamo al 56 posto (leggasi cinquantasei) con una diminuzione di 4 posti dall’anno precedente (http://www.doingbusiness.org/data/exploreeconomies/italy/) superati da grandissimi paesi (Ironic mode on) come ad esempio l’Estonia, Islanda, Georgia, Emirati Arabi, Lituania, Macedonia, Colombia, Perù, Montenegro, Rwanda, Romania, Slovenia…
Ma cosa serve all’Italia per fare delle vere riforme strutturali? Basta guardare gli indici, la burocrazia è il male peggiore (sia per i permessi di costruire sia per quanto concerne l’allaccio alla rete elettrica, ma chi l’avrebbe mai detto…) ma anche il pagamento delle tasse e il rispetto dei contratti .
L’economist ci dice che occorre anche fare i conti con la corruzione e quale miglior metodo dell’implementazione della trasparenza? Basta leggere l’inchiesta di Mafia Capitale (http://www.repubblica.it/…/mafia_capitale_alfano_incarica_…/)
++++++++++++++++++++++++++
Citazione
“Alfano investe Pecoraro. ll ministro dell'Interno, Angelino Alfano, intanto ha delegato il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, a esercitare i poteri di accesso e di accertamento nei confronti del Comune della Capitale. E' quanto si legge in una nota del Viminale. La decisione dopo un incontro, questa mattina, tra Alfano e il prefetto. Si allontana dunque l'ipotesi dello "scioglimento per mafia" del Consiglio comunale di Roma, una richiesta che nei giorni scorsi era arrivata da numerosi esponenti di forze politiche. A partire da oggi, il prefetto vaglierà gli atti amministrativi del Campidoglio per verificare l'esistenza dei presupposti per poter chiedere al governo il commissariamento del Comune.
La commissione d'indagine. Il prefetto nominerà una commissione d'indagine composta da tre funzionari della Pubblica Amministrazione e supportata da un nucleo di esperti appartenenti alle Forze di Polizia. La commissione potrà accedere agli atti del Comune al fine di verificarne eventuali possibili forme di infiltrazione o di condizionamento, di tipo mafioso o similare. Le indagini potranno durare tre mesi, prolungabili per una sola volta di altri tre mesi (quindi al massimo sei mesi in tutto). Dopo diché il prefetto dovrà trarre le conclusioni e inviare una relazione al ministro dell'Interno."
++++++++++++++++++++++++++
Dove sta la notizia?
Primo che un prefetto necessiti di “poteri di accesso e di accertamento” nientepopodimeno che dati dal ministro!
La seconda è che ci vogliono 3 mesi (e già si intravede la proroga di altri 3 mesi) per vedere cosa c’è di marcio in una pubblica amministrazione.
Se questo significa trasparenza!
L’economist poi ci dice che Matteo Renzi ha reso il mercato più flessibile (vero ma ha lasciato le cose a metà, la riqualificazione del personale licenziato dove sta? Il miglioramento delle condizioni di incontro delle offerte e della domande di lavoro (oppure dobbiamo rifarci ancora ai centri dell’impiego che riescono a collocare solo il 3% delle persone che si rivolgono a questo ente? http://www.linkiesta.it/centri-per-impiego-isfol).
Sulla diminuzione dei prezzi energetici non mi pronuncio, basterebbe chiedersi da dove viene la gran parte di questa voce. Forse dalle accise, dai costi per finanziare il fotovoltaico, dall’IVA sulle accise (e quindi dallo stato…)
Certo dopo l’economist si perde: occorre fare investimenti pubblic, fare quantitative easing e le riforme strutturali improvvisamente diventano “Hiding behind the veil of structural reforms is no way to boost growth. “
L’economist si impegna ma non riesce eppure era partito così bene….
Loggato
Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.051 secondi con 21 queries.

Google ha visitato per ultimo questa pagina Luglio 19, 2019, 14:09:51
Privacy Policy

Alfeuss Site Admin & Webmaster

Piotr The Writer

Valentano.net è pubblicato sotto una Creative Commons License. Leggi il Disclaimer
LO-FI Version

MKPortal ©2003-2005 All rights reserved
Pagina generata in 0.02638 secondi con 6 query