Logo Valentano.net Logo Valentano.net
Ultimo Urlo - Inviato da: Pro Loco - Venerdì, 04 Settembre 2015 09:08
 
Forum Community sul Comune di Valentano (VT)
Ottobre 29, 2020, 05:09:45 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Ricette tipiche valentanesi e dell'alta Tuscia
 
   Home   Help Ricerca Calendario Utenti Login Registrati  
Pagine: 1 [2] 3   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: Un ricco fanculo alla riforma scolastica  (Letto 22903 volte)
ciocchetto
Supporter
Guitto
**
Offline Offline

Posts: 1193


Coltivate Linux, Windows si pianta da solo


Guarda Profilo WWW
« Risposta #15 il: Ottobre 30, 2008, 14:08:20 »

Ed a ben vedere, se ipotizziamo che il totale degli studenti sia di 100 persone:

- il 60% è a favore della riforma o completamente indifferente;
- il 30% contesta solo, senza cognizione di causa, per strumentalizzazione politica o perchè così si evitano le lezioni;
- il 10% è realmente avverso e conosce nel merito la questione, manifestando consapevolmente (giuste o sbagliate che siano le argomentazioni).

Sono d'accordo su quasi tutto (diciamo che quello che può cambiare è il metodo, ma non il merito dei punti in discussione), però mi devi dire dove tiri fuori questa suddivisione in percentuali e soprattutto perché metti quelli completamente indifferenti in mezzo a chi è a favore... 
Credo comunque che il maggior numero di proteste condivisibili (le altre, quelle su grembiuli e voti sono veramente strumentali) siano quelle relative ai tagli, tanto più gravi se fatti nelle università se si colpisce solo la ricerca e non come molti dicono l'affiliazione tra professori e ricercatori.
Loggato

http://www.emmeeffe.org
Con i piedi caldi e asciutti si può andare lontano ('l mi' ba')
skyer
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 972


solo i vili e i mediocri conoscono la sconfitta...


Guarda Profilo
« Risposta #16 il: Ottobre 30, 2008, 15:02:12 »

Ed a ben vedere, se ipotizziamo che il totale degli studenti sia di 100 persone:

- il 60% è a favore della riforma o completamente indifferente;
- il 30% contesta solo, senza cognizione di causa, per strumentalizzazione politica o perchè così si evitano le lezioni;
- il 10% è realmente avverso e conosce nel merito la questione, manifestando consapevolmente (giuste o sbagliate che siano le argomentazioni).

Sono d'accordo su quasi tutto (diciamo che quello che può cambiare è il metodo, ma non il merito dei punti in discussione), però mi devi dire dove tiri fuori questa suddivisione in percentuali e soprattutto perché metti quelli completamente indifferenti in mezzo a chi è a favore... 
Credo comunque che il maggior numero di proteste condivisibili (le altre, quelle su grembiuli e voti sono veramente strumentali) siano quelle relative ai tagli, tanto più gravi se fatti nelle università se si colpisce solo la ricerca e non come molti dicono l'affiliazione tra professori e ricercatori.

Di certo non lavoro al'ISTAT 
Le percentuali sono basate su esperienze personali di quando mi sono trovato coinvolto in situazioni analoghe...c'era chi voleva occupare (perchè convinto delle proprie posizioni)...a chi bastava non fare lezione o che non venissero fatti gli esami (qualunque fosse il motivo)...chi voleva contestare perchè la riforma era fatta dalla sinistra e lui era di destra (o viceversa)...chi se ne fregava altamente (e subiva passivamente il corso degli eventi)...ecc...ecc...
Beh...ad occhio e croce...le ripartizioni che io ricordo si attestavano su quelle percentuali (punto più punto meno)....forse però avrei fatto meglio a mettere
la famosa "forbice" che usano per gli exit pool!!! 

P.S.: "indifferenti" ed "a favore" della riforma sono raggruppati perchè a me serviva solamente per far capire che chi occupa le università e le scuole è una sparuta minoranza rispetto a tutti gli altri che continuerebbero le lezioni normalmente!
Loggato

Al peggio sono abituato...è il meglio che mi spaventa!
luigi
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 953



Guarda Profilo
« Risposta #17 il: Ottobre 30, 2008, 15:11:35 »

Skyer non c'è andato molto lontano con le percentuali:
sondaggio
Loggato
skyer
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 972


solo i vili e i mediocri conoscono la sconfitta...


Guarda Profilo
« Risposta #18 il: Ottobre 30, 2008, 15:16:00 »

Skyer non c'è andato molto lontano con le percentuali:
sondaggio

HO TROVATO LAVOROOOOOOO   
Loggato

Al peggio sono abituato...è il meglio che mi spaventa!
ciocchetto
Supporter
Guitto
**
Offline Offline

Posts: 1193


Coltivate Linux, Windows si pianta da solo


Guarda Profilo WWW
« Risposta #19 il: Ottobre 30, 2008, 15:18:59 »

Skyer non c'è andato molto lontano con le percentuali:
sondaggio

HO TROVATO LAVOROOOOOOO   

Sicuramente lo faresti meglio dei sondaggisti sotto le elezioni, per di più... 
Comunque anch'io sono sempre stato contrario alle manifestazioni dentro l'università o le scuole, che dovrebbero servire a ben altro. Vuoi far sciopero? ok stattene fuori e lascia entrare chi invece vuole andare a lezione.
Loggato

http://www.emmeeffe.org
Con i piedi caldi e asciutti si può andare lontano ('l mi' ba')
ciocchetto
Supporter
Guitto
**
Offline Offline

Posts: 1193


Coltivate Linux, Windows si pianta da solo


Guarda Profilo WWW
« Risposta #20 il: Ottobre 30, 2008, 15:21:27 »

A proposito della riforma Gelmini, volevo segnalare un curioso refuso del Sole24ore... 
link
Leggete il titolo...
Loggato

http://www.emmeeffe.org
Con i piedi caldi e asciutti si può andare lontano ('l mi' ba')
luca_
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 766


Guarda Profilo
« Risposta #21 il: Ottobre 30, 2008, 18:17:17 »

Parto dall'ultimo per tornare al primo post...

Il sondaggio citato è un tantino fazioso, dato che la cosa più importante è la domanda, non le percentuali! Non si chiede se si sia d'accordo o meno sulla riforma, ma se siano giuste le "contestazioni", parola che evoca subito incapucciati soggetti con mazze e bottiglie. Facile prevedere una percentuale da quella parte.

A parte questo, mi viene sempre da sorridere quando sento parlare di scuola. Vedo tutti questi informatissimi studenti in protesta sotto i Ministeri, che avrebbero discusso per ore sulla legge ed avrebbero addirittura trovato delle soluzioni migliori da proporre...

Se vogliamo fare i politically correct possiamo dire che la scuola sia il posto  della formazione delle coscienze, la fucina della cultura e della società. Che i professori ed i maestri siano stimati professionisti di alta levatura, uscite dalle migliori accademie d'Italia e passati per severissimi test per poter accedere al difficile e delicato compito dell'insegnamento.
Diciamo che gli studenti siano giovani colti e sensibili mossi dalla grande passione per la Scuola, istituzione che non vogliono che gli si venga toccata.

MA DICIAMO LE COSE COME STANNO VIA!

I bravi professori, dediti al lavoro, appassionati e con il carattere e le capacità di formare altre persone si contano sulla punta delle dita. Le persone migliori e più compenteti di questa società non stanno certo nelle Università o nelle Scuole. Se le sono accaparrate le multinazionali o i grandi studi, da sempre molto attente alle risorse umane.

La maggior parte sono scalda sedia che come in ogni altra parte hanno preso il posto grazie a qualche aggangio.
Frustrati, scontenti, assolutamente incapaci di tenere una classe come si deve.

Scendono in piazza perchè come tutti in questo Paese hanno paura di perdere lo status quo.

E gli studenti??? Avremmo occupato anche la Chiesa se questo fosse significato andare un giorno di meno a scuola!!! 

La riforma Gelmini non sarà un granchè, ma vorrei capire dov'è questa Scuola-Idillio dei tempi che furono?
Dove sono questi grandi professori/esse che si meriterebbe aumenti di stipendio?

P.s. Che Berlusconi sia un pagliaccio sono d'accordo, ma vorrei capire dove sarebbe questa deriva autoritaria...
E la persona seria, il nuovo JFK chi sarebbe? Veltroni.... 
Loggato
skyer
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 972


solo i vili e i mediocri conoscono la sconfitta...


Guarda Profilo
« Risposta #22 il: Ottobre 30, 2008, 18:29:30 »

Mi rifaccio al post di Piotr (lo trovo così inappuntabile che sembra uscito dalle mie labbra  )...a quello di Ciocchetto...a quello di Bigio...al mio stesso...ed ad altri commenti che ho trovato on line...e sempre per parlare in percentuali (ormai dopo aver trovato questo nuovo lavoro non posso esimermi  ), mi sembra di capire che coloro che si scagliano contro questa riforma in generale, ma soprattutto che sono a favore delle contestazioni più in particolare, addirittura siano inferiori al già citato 10%!

Ed allora mi domando:
- ma le persone equilibrate...che parlano a ragion veduta...informate...non violente...ecc...ecc....stanno solo sui forum????
- e tutti questi "soggetti incappucciati con mazze e bottiglie" (tanto per citare Piotr) che si vedono in cortei.....manifestazioni....occupazioni...chi diavolo sono?????

E gli studenti??? Avremmo occupato anche la Chiesa se questo fosse significato andare un giorno di meno a scuola!!! 

Qualcuno avrebbe anche rapito Don Eugenio, chiedendo un riscatto, se avesse potuto significare qualche giorno in meno là dentro!!!!!! 
Loggato

Al peggio sono abituato...è il meglio che mi spaventa!
Adriano
Fotoreporter
Guitto
*****
Offline Offline

Posts: 921



Guarda Profilo
« Risposta #23 il: Ottobre 30, 2008, 18:39:18 »

Esatto Piotr! Io ricordo bene, quando si scappava subito almeno a 500 metri dalla scuola se anche uno solo dei compagni di classe diceva che c'era lo sciopero di netturbini, autisti autobus, ferrovieri, ecc...intanto si scappava, se poi era vero non era importante!
Loggato

"La vita va osservata, vissuta, documentata e tramandata, per questo la fotografia è un pezzo della vita stessa;-)."

"Odio li brodi e li minestri, abolissi la cucchiarella" (anonimo siciliano)
DjBigio
Semedelino
****
Offline Offline

Posts: 683



Guarda Profilo
« Risposta #24 il: Ottobre 30, 2008, 20:54:45 »

Una mattina di quarto liceo ho trascinato con veemenza tutti i compagni di classe fuori dall'aula....sapete perchè?!...la porta non si chiudeva bene e si sentivano in classe i professori delle altre aule che spiegavano disturbando la nostra lezione... ...risultato?!
3 giorni di sospenzione con obbligo di frequenza a tutta la classe (tranne i soliti 3 lecc@culo che non se la sono proprio sentita di uscire....)
Gli studenti di ora non sanno neanche cosa è un decreto legge,figuriamoci se si sono letti tutto il decreto e figuriamoci se sanno in base a cosa stanno scioperando!!!
Ah,tra le tante mail idiote a catena che arrivano,me ne è giunta una di un amico in cui diffamava l'attuale decreto Germini....tra le varie cavolate citate in fondo pagina c'era scritto:EMIGRIAMO!
Figuriamoci che facinorosi scrivono queste cose....non sanno neanche cosa cavolo scrivono!!!
E le menti malneabili dei giovani con gli occhi sgranati a leggerli e a seguirli.....dico questo perchè proprio poco fa al TG5 hanno intervistato un luminare ingeniere (mi sembra aerospaziale),emigrato appena laureato all'estero perchè le possibilità di ricerca in Italia erano nulle,citando in tal senso i vari professori associati e i vari dottorandi vincenti il concorso come si suol dire a "spintarella" e non con meritocrazia!
Bhè questo tizio è favorevolissimo alla riforma,è uno che c'è passato,è uno che vive nel campo della ricerca,è uno tanto per intenderci con una capoccia così e sicuramente ne sa e ne ha passate molte di più rispetto a un mocciosetto che se ne va in giro con la folla di capre a sventolare le varie bandierine tanto per perdere un giorno di scuola.....
Rifacendomi alla citazione di Piotr,condivido a pieno il passaggio sulle assunzioni in base alle capacità e al merito che hanno le multinazionali private......tanto tirando le somme chi fa il suo lavoro con passione,capacità e intelligenza (ne conosco a centinaia di persone così) sicuramente troverà occasioni su occasioni per esprimersi!!!
Le capre (ne conosco a centinaia anche i quelle),come diceva un mio professore,sono fatte per pascolare e per sempre pascoleranno....
Loggato

Versatilità,senso tattico,gioco di squadra e precisione....il pallone raggiunge l'orgasmo quando viene accarezzati dai suoi piedi!
ciocchetto
Supporter
Guitto
**
Offline Offline

Posts: 1193


Coltivate Linux, Windows si pianta da solo


Guarda Profilo WWW
« Risposta #25 il: Ottobre 30, 2008, 21:21:40 »

Se vogliamo fare i politically correct possiamo dire che la scuola sia il posto  della formazione delle coscienze, la fucina della cultura e della società. Che i professori ed i maestri siano stimati professionisti di alta levatura, uscite dalle migliori accademie d'Italia e passati per severissimi test per poter accedere al difficile e delicato compito dell'insegnamento.
Diciamo che gli studenti siano giovani colti e sensibili mossi dalla grande passione per la Scuola, istituzione che non vogliono che gli si venga toccata.

MA DICIAMO LE COSE COME STANNO VIA!

I bravi professori, dediti al lavoro, appassionati e con il carattere e le capacità di formare altre persone si contano sulla punta delle dita. Le persone migliori e più compenteti di questa società non stanno certo nelle Università o nelle Scuole. Se le sono accaparrate le multinazionali o i grandi studi, da sempre molto attente alle risorse umane.

La maggior parte sono scalda sedia che come in ogni altra parte hanno preso il posto grazie a qualche aggangio.
Frustrati, scontenti, assolutamente incapaci di tenere una classe come si deve.

Scendono in piazza perchè come tutti in questo Paese hanno paura di perdere lo status quo.

Capirai che status quo avranno mai da difendere, con gli stipendi che si ritrovano...
Hai inquadrato bene lo stato della scuola, ma quello che manca è una domanda: perché la scuola è a questi livelli? Secondo me la risposta l'hai pure data: i migliori fanno altro, perché proprio chi crede di avere qualche qualità in più difficilmente accetta di avere paghe così basse. Ed è così da sempre: la letteratura e il cinema neorealista sono pieni di maestri che fanno la fame... 
Probabilmente se il mestiere di docente fosse stato più appetibile economicamente, ad insegnare ci starebbe anche qualcuno meno mediocre: con tutto che comunque ottimi insegnanti comunque ci sono e ci sono stati.

Citazione
La riforma Gelmini non sarà un granchè, ma vorrei capire dov'è questa Scuola-Idillio dei tempi che furono?
Dove sono questi grandi professori/esse che si meriterebbe aumenti di stipendio?

P.s. Che Berlusconi sia un pagliaccio sono d'accordo, ma vorrei capire dove sarebbe questa deriva autoritaria...
E la persona seria, il nuovo JFK chi sarebbe? Veltroni.... 

Ricorrere troppo ai decreti legge, ad esempio, nonostante una maggioranza schiacciante e indiscutibile. Parlare con un tono del tipo ho-vinto-e-comando-io, come se la democrazia fosse un puro esercizio di forza. E non servono nuovi JFK, personalmente basterebbe una persona seria, e in Italia oggi è difficile trovarne.
Loggato

http://www.emmeeffe.org
Con i piedi caldi e asciutti si può andare lontano ('l mi' ba')
Aletz
Alluccato
*
Offline Offline

Posts: 5



Guarda Profilo
« Risposta #26 il: Ottobre 31, 2008, 09:48:57 »

A dire la sincera verità non mi sono messa a leggere con moltissima attenzione ogni particolare della discussione tra ciocchetto e dj bigio(anche perché quando iniziano non la finiscono più  )ma volevo comunque intervenire circa questo argomento.
Sono una studentessa universitaria di ingegneria che sta vivendo in prima persona tutto quanto sta accadendo.A Pisa,dove studio,sono più di tre settimane che si stanno organizzando manifestazioni,scioperi,cortei,occupazioni (come avrete potuto vedere anche ieri ad Anno Zero);si sono saltate varie ore di lezione (parecchie,troppe a mio parere!),alcuni ricercatori si sono rifiutati di svolgere regolarmente le loro ore (anche perché in effetti loro non dovrebbero occuparsene,eppure...).In altre parole:un delirio,poiché né professori né studenti sanno veramente cosa devono fare.
Io,dal mio canto, NON HO MAI AVUTO MODO DI LEGGERE UN SOLO RIGO DI QUESTO DL 133 e sarebbe una cosa che mi interesserebbe molto.Vorrei manifestare anch'io accanto a tutti quei ragazzi che vedo ogni volta in piazza ma essere anche certa di quello che sto dicendo e facendo:non voglio semplicemente strillare per tutto Corso Italia "Berlusconi vaff....." perché non mi pare questo il modo più intelligente per ottenere qualcosa.Se in questi giorni ho cercato di ottenere informazioni le ho avute solo dai rappresentanti studenteschi di "Sinistra Per"che,come potete ben immaginare,sparano a 0 su questa riforma.E se io volessi sentire anche l'altra campana (come si usa dire popolarmente)?
I tg mi pare che raccontino e facciano vedere quello che vogliono:nei primi giorni SILENZIO STAMPA,quando poi cominciava ad essere scandaloso che nessuno ne parlasse hanno iniziato a trasmettere notizie assurde;sembrava quasi che tutta quella gente in piazza fosse lì perché non voleva comperare il grembiule ai propri figli!
Mi chiedo se nn fosse possibile ascoltare il nostro Presidente del Consiglio che davanti ad una telecamera legga e commenti dal canto suo questo benedetto DL133(perlomeno la parte che riguarda la scuola).Non dico che a questo punto gli italiani si sentirebbero soddisfatti e al sicuro ma almeno non si troverebbero in questa condizione di ignoranza(come lo sono ora)e potrebbero poi giudicare con raziocinio(e non per partito preso)la situazione.Vaneggiamenti i miei,ma mi avrebbe fatto veramente piacere che accadessero!
Loggato

...perché la vita è un brivido che vola via...
è tutto un equilibrio sopra alla follia...
sonny62
Patacchino
**
Offline Offline

Posts: 185


res non verba


Guarda Profilo
« Risposta #27 il: Ottobre 31, 2008, 11:04:53 »

Premetto col dire che condivido ogni virgola del post di Piotr e vorrei aggiungere due considerazioni personali:
- la prima, quella più evidente che mi viene in mente è che in questo paese la scuola ha sempre scioperato dal momento che il settore veniva investito da proposte di legge, decreti, o sole dichiarazioni di intenti da parte dal ministro dell'istruzione in carica del momento. Quindi o è tutto strumentalizzato oppure non si riesce a capire quali siano le reali esigenze del comparto, visto che nessuno finora è riuscito ad evitarsi un sciopero con i fiocchi.
- la seconda invece tratta dell'informazione, quella vera intendo. Purtroppo in questo Paese non esiste un'informazione scevra da pressioni politiche e di potere in genere. Se non fosse cosi infatti, nei programmi tipo anno zero o ballarò, invece di contrapporre come al solito due formazioni politiche che guarda caso ripetono come un disco rotto sempre le stesse frasi di parte, si potrebbe dedicare questi spazi alla lettura del decreto in maniera "tecnica" (intendo non di parte), esplicitandolo magari nei punti dove lo stesso richiama passaggi troppo "burocratesi". Probabilmente, cosi facendo, chi ascolta qualche idea personale se la farebbe e comincerebbe a capire intanto il contenuto reale del decreto e non quello interpretato da questo o quel politico di turno.  Non dico che questo dipanerebbe tutti i dubbi perché il decreto in questione tratta un argomento vasto e di  difficile comprensione ai non addetti ai lavori, però penso che cominceremo ad evitare le solite generalizzazioni del tipo: 1) questo decreto uccide l'università oppure: 2) questo decreto sarà la panacea per l'istruzione in Italia. Etc...
Gli Italiani hanno bisogno di sapere come stanno realmente le cose e c'è bisogno di un'informazione corretta che glielo dica altrimenti ci troveremo sempre a ripetere (vedi studenti in corteo) meccanicamente le frasi sentite negli "educativi" confronti politici di questo ciarpame televisivo.
ciao a tutti.   
Loggato

discutere con un'imbecille non conviene: devi scendere al suo livello e rischi di perdere per inesperienza!
ciocchetto
Supporter
Guitto
**
Offline Offline

Posts: 1193


Coltivate Linux, Windows si pianta da solo


Guarda Profilo WWW
« Risposta #28 il: Ottobre 31, 2008, 11:57:19 »

A dire la sincera verità non mi sono messa a leggere con moltissima attenzione ogni particolare della discussione tra ciocchetto e dj bigio(anche perché quando iniziano non la finiscono più  )ma volevo comunque intervenire circa questo argomento.
Sono una studentessa universitaria di ingegneria che sta vivendo in prima persona tutto quanto sta accadendo.A Pisa,dove studio,sono più di tre settimane che si stanno organizzando manifestazioni,scioperi,cortei,occupazioni (come avrete potuto vedere anche ieri ad Anno Zero);si sono saltate varie ore di lezione (parecchie,troppe a mio parere!),alcuni ricercatori si sono rifiutati di svolgere regolarmente le loro ore (anche perché in effetti loro non dovrebbero occuparsene,eppure...).In altre parole:un delirio,poiché né professori né studenti sanno veramente cosa devono fare.
Io,dal mio canto, NON HO MAI AVUTO MODO DI LEGGERE UN SOLO RIGO DI QUESTO DL 133 e sarebbe una cosa che mi interesserebbe molto.Vorrei manifestare anch'io accanto a tutti quei ragazzi che vedo ogni volta in piazza ma essere anche certa di quello che sto dicendo e facendo:non voglio semplicemente strillare per tutto Corso Italia "Berlusconi vaff....." perché non mi pare questo il modo più intelligente per ottenere qualcosa.Se in questi giorni ho cercato di ottenere informazioni le ho avute solo dai rappresentanti studenteschi di "Sinistra Per"che,come potete ben immaginare,sparano a 0 su questa riforma.E se io volessi sentire anche l'altra campana (come si usa dire popolarmente)?
I tg mi pare che raccontino e facciano vedere quello che vogliono:nei primi giorni SILENZIO STAMPA,quando poi cominciava ad essere scandaloso che nessuno ne parlasse hanno iniziato a trasmettere notizie assurde;sembrava quasi che tutta quella gente in piazza fosse lì perché non voleva comperare il grembiule ai propri figli!
Mi chiedo se nn fosse possibile ascoltare il nostro Presidente del Consiglio che davanti ad una telecamera legga e commenti dal canto suo questo benedetto DL133(perlomeno la parte che riguarda la scuola).Non dico che a questo punto gli italiani si sentirebbero soddisfatti e al sicuro ma almeno non si troverebbero in questa condizione di ignoranza(come lo sono ora)e potrebbero poi giudicare con raziocinio(e non per partito preso)la situazione.Vaneggiamenti i miei,ma mi avrebbe fatto veramente piacere che accadessero!

Se visiti il sito del Senato e quello della Camera dei Deputati trovi tutto quello che ti serve per avere informazioni neutre e non filtrate da propaganda di destra o di sinistra. Su questi siti, oltre a poter seguire i lavori, puoi leggere tutti i documenti relativi alle leggi e decreti legge che vengono approvati.
Aprendo i documenti relativi a questo argomento specifico sul sito del Senato, ad esempio, trovi una Nota breve sul testo approvato, dove ad esempio scopri che il DL non è il 133/2008 bensì il 137/2008 (il 133 riguarda ben altri e più ampi argomenti, che include anche il settore istruzione del Capo V, art 15, 16 e 17 e dal quale è scaturito poi il DL 137/2008), nota breve che è poi quella sui cui si basano tutti gli articoli di giornale, di solito estremamente superficiali, in quanto riassunto di un riassunto. Il testo completo di quanto approvato in prima istanza dalla Camera lo trovi in questo documento, quello approvato il 29 ottobre al Senato, e che ha scatenato il putiferio, lo trovi invece in questo documento. All'interno dei link che ti ho indicato puoi selezionare la voce Testi ed emendamenti per visualizzare i documenti in pdf o in html.
Per il testo approvato dal Senato forse c'è da aspettare qualche giorno, ora ci sono solo le bozze; il testo approvato alla camera lo trovi qui, ma ovviamente mancano gli emendamenti del Senato..
Loggato

http://www.emmeeffe.org
Con i piedi caldi e asciutti si può andare lontano ('l mi' ba')
sere
Pollogno
*
Offline Offline

Posts: 99



Guarda Profilo
« Risposta #29 il: Ottobre 31, 2008, 15:33:15 »

Scusate ho letto i vari post e vorrei ringraziare Cicchetto per la bellissima citazione di Calamandrei, a tal proposito mi viene in mente che la storia insegna ma  evidentemente le classi sono distratte.....

Venendo alla discussione  condivido le critiche da più voci mosse all'università, ai baroni ai servizi che mancano, alla ricerca che si fa poco e male ( soprattutto x chi la fa, senza mascherine, cappe ecc.... )  soprattutto sembra che nelle università Italiane si sia invertito il paradigma: l' Università non è per gli studenti ma per i Baroni, ( questo ovunque anche nelle private )  non per le forze produttive ma contro,
xò non capisco perchè facciamo tutta questa discussione sull' Università parlando di una RIFORMA CHE NON ESISTE, infatti la L. 133/08 è la Finanziaria e stabilisce soltanto un taglio del Fondo ordinario di finanziamento dell' Università
quindi: Fanculo ai tagli  ai finanziamenti all' Università

Venedo alla riforma della scuola primaria: io  non sono una pedagoga e non entro nel merito ma  mi chiedo perchè tra i vari livelli di scuole italiane cambiare l'unico modello che funziona ed è copiato a livello internazionale? Inoltre la scuola per come è strutturato il welfare italiano è uno dei pochi strumenti di Conciliazione per le Famiglie, con la riduzione delle lezioni e l'orario standard con uscita alle 12.30 non mi sembra si faccia un favore elle italiane ed agli italiani che lavorano.

Chiudo con due conti "casalinghi"
Il governo Berlusconi mi avrebbe tolto l' ICI ( dico avrebbe xchè x i bassi redditi l'aveva già tolta l'ultima finanziaria Prodi ) pagavo 80 € l'anno, ora xò con la riforma Gelmini dovrò pagare ( quando avrò figli ) almeno un' ora di baby sitter al giorno, pari a 7 € in nero, perchè i rgazzini usciranno da scuola alle 12.30
in fin dei conti mi conveniva pagare l'ICI

un' ultima battuta sulle classi ponte per immigrati: a quando i posti riservati sugli autobus in perfetto stile apartheid?

quindi FANCULO GELMINI!
Loggato

"Per gli italiani la via più breve fra due punti è l'arabesco." E. Flaiano
Pagine: 1 [2] 3   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.06 secondi con 20 queries.

Google ha visitato per ultimo questa pagina Luglio 16, 2019, 14:33:53
Privacy Policy

Alfeuss Site Admin & Webmaster

Piotr The Writer

Valentano.net è pubblicato sotto una Creative Commons License. Leggi il Disclaimer
LO-FI Version

MKPortal ©2003-2005 All rights reserved
Pagina generata in 0.01168 secondi con 6 query